i tramonti

quelle sere

che accompagnavano l’amore

forse son finite

nel nulla,

sopra i ricordi

oltre i tanti sorrisi

e i vestiti scollati

la noia,

son tornato nella casa

dritta verso il cielo

fiera

costruita per noi,

c’è una donna che piange

un figlio

e un figlio di fronte

che piange una madre.

crisantemi

il sarcasmo

si prende gioco di me

io che amo i colori

il bianco e nero

e le parole,

delle nuvole bianche passano

nell’azzurro

i crisantemi si preparano

al loro giorno migliore

al loro trionfo,

c’era un sogno

che volevo raccontare in fretta

prima di dimenticarlo

ma in pochi istanti

è sfumato.

l’amore

aspetto

la sera con il suo buio

che avvolge

intriga,

la tua schiena chiara

s’illumina

e le ginocchia

si accavallano,

nell’aria

il profumo che amo

sulla tua pelle

nelle tue dita,

sistemi i capelli con dolcezza

sono un fiume

un vento

l’amore.